Il corto-gioiello italiano di animazione in stopmotion sulle trincee e le divisioni della guerra

Guarda il film su archivioluce.com

Sinossi

Durante la Grande Guerra in una trincea austriaca sul fronte italiano seguiamo le vicende di alcuni soldati. È un periodo di stasi tra una battaglia e un’altra e tra i due fronti si è creato un implicito e fragile accordo di non belligeranza. Nel corso una ricognizione gli austriaci trovano in un rudere un vecchio pianoforte e lo portano nella trincea, un ex concertista tra i soldati inizia a suonare e la musica fa dimenticare la distanza tra i due fronti creando uno strano sentimento di fratellanza.

L’intesa tra i due fronti cresce con il passare dei giorni e dei concerti, per un attimo la guerra sembra un ricordo distante. Ma un cambio di guardia o un comando dall’alto possono spazzare via in un soffio ogni speranza, e riportare gli uomini alle fattezze di soldati nemici. Scandito da brani classici e dalle intense musiche originali di Fabio Barovero, con cambi di atmosfere dipinti con maturità cinematografica, dove la tecnica avanzata e certosina della stopmotion regala un sapore artigianale alle immagini e alla fotografia.

Una ballata sulla pace, e sul potere unificante della musica, che come nei più riusciti film di animazione lega bene realismo della storia (e della Storia) e utopia dell’immaginazione.

Recensione

Nonostante la pellicola sia nata lontana dal tempo della pandemia che stiamo vivendo, risulta impossibile non creare un parallelismo, seppur non paragonabili, tra le limitazioni imposte ai soldati durante la Grande Guerra e quelle imposte oggi a tutti noi, costretti a vivere in isolamento ed in spazi ristretti.

La condizione del conflitto, del dover considerare un nemico qualcuno che si trova “dall’altra parte”, anche se sai che prova le nostre stesse emozioni, paure e speranze. Il logorio di un vivere quotidiano fatto di paura, fame, freddo ma soprattutto della nostalgia di una “vita normale”, del poter coltivare le proprie passioni o la propria professione.

Una pellicola emozionante che riassume in una manciata di minuti la crudeltà della guerra e l’alienazione delle virtù umane, svanite dinanzi all’ordine supremo di una battaglia che lascerà solo macerie nell’animo e per le strade.

Un’opera educativa che potrà trasmettere a tanti l’importanza del vivere pacificamente, perché la vita non merita le atrocità di cui l’essere umano è capace.

Assolutamente da non perdere!