La Linea del Pasubio

La Linea del PasubioNel centenario della Prima Guerra Mondiale e a 100 anni esatti dalla Strafexpedition, l’offensiva austriaca contro l’Italia e uno dei momenti cruciali del conflitto, un film che racconta uno dei luoghi simbolo di una grande storia, e le confessioni dei suoi protagonisti.

La linea del Pasubio era l’antico confine tra l’Italia e l’Austria, ma anche la linea delle trincee dei due eserciti, la linea di tiro delle artiglierie e la linea del combattimento.

Oggi è quel complesso e straordinario museo diffuso tra le montagne fatto di molti chilometri di gallerie e reperti bellici che si sviluppa tra questi luoghi straordinari

Il film La linea del Pasubio di Matteo Raffaelli non è una ricostruzione storica e divulgativa tout court, ma un racconto che alla storia intreccia emotività, confessione e passioni dei protagonisti al fronte. Coniugando linguaggi e immaginari differenti, il doc riunisce documenti filmici e fotografici di importanti archivi, testimonianze, le opere dell’artista Marco Nereo Rotelli e le letture di Peppe Servillo, che ripercorrendo la strada delle 52 gallerie, dà voce ai pensieri dei soldati che dal fronte scrivevano a casa.

Paura, speranza, disperazione, rabbia. Sul volto del grande attore napoletano scorrono le emozioni che provarono gli uomini che vissero l’esperienza brutale della guerra di trincea, del combattimento corpo a corpo, della guerra di posizione.

Regalando allo spettatore non solo l’espressione di una ricorrenza fondamentale per il continente e la mentalità europei; ma anche il segno, la scia di luce, la speranza, che non tutto fu perduto in quei giorni di battaglia.

IN ANTEPRIMA NAZIONALE AL 62. TAORMINAFILMFEST – SEZIONE ‘PUNTO LUCE’

La linea del Pasubio – trailer from Matteo Raffaelli on Vimeo.

 

 

share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on RedditShare on TumblrPrint this pageEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *