Baricco legge Baricco: Novecento

Il Teatro Sociale di Como ci ha offerto la magica opportunità di ascoltare dalla stessa voce dell’autore, un’opera unica, un must have nelle librerie di chi tra le pagine di un libro ama perdersi, sognare, estraniarsi dalla realtà ed entrare in una favola: “Alessandro Baricco legge: Novecento“.

Magistralmente portato sul grande schermo dal maestro del cinema Giuseppe Tornatore con il titolo “La leggenda del pianista sull’oceano“, “Novecento” viene presentato sul palcoscenico con una scenografia ed una regia essenziale, che lo stesso Baricco definisce “un’impaginazione giusta per quello che volevo fare: leggere”. 

Niente di più che leggere e chi più dell’autore stesso ci può far entrare a pieno nell’atmosfera, nelle emozioni, farci vivere l’ironia e la drammaticità, il disincanto e l’intensità della vita di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento, neonato di dieci giorni trovato in uno scatolone sopra il pianoforte della sala da ballo del piroscafo Virginian,nei primi anni del ‘900.

La magia riesce indiscutibilmente, per chi il libro lo conosce a memoria o per chi non l’ha mai letto, per chi ha visto solo il film o neppure quella. Tante le voci del pubblico che a fine spettacolo si dichiaravano entusiaste e coinvolte a tal punto da voler quanto prima tuffarsi tra le pagine del libro, per farsi nuovamente cullare dalle stravaganti note del pianista mai sceso sulla terra ferma, ma con i piedi più a terra di tutti noi.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi